Stacks Image 3810
UNA COMUNITÀ LAVORA - INSIEME PER COSTRUIRE

IL FESTIVAL
Sghembo Festival . stato in primo luogo un’esperienza di costruzione comunitaria di un evento. Cooperative e associazioni del territorio, il Comune, gli enti gestori dei servizi, gli artisti, i gruppi informali di cittadini, gli operatori sociali, i ragazzi disabili e le loro famiglie hanno condiviso obiettivo e significato dell’iniziativa e hanno lavorato insieme per realizzarla. Questo da una parte ha reso Sghembo sostenibile, grazie al fatto che tanti hanno lavorato gratuitamente, dall’altra ha rappresentato un’esperienza in cui una comunità ha scoperto il piacere e le potenzialità di lavorare insieme.
Artisti e ospiti sono stati contattati attraverso canali informali e consolidati di amicizia, condizione che ha garantito la presenza degli artisti e la loro disponibilità a titolo gratuito, frutto della condivisione delle motivazioni ideali dell’iniziativa.
L’unica risorsa economica richiesta è stata un’autotassazione di tutti i soggetti partecipanti (Enti, Associazioni, Cooperative) che ha permesso di ripagare le spese vive del Festival in cambio della pubblicizzazione del proprio logo sul volantino.
Anche gli altri professionisti coinvolti nell’aspetto grafico, fotografico e fonico, facendo propria la causa di Sghembo, hanno messo a disposizione le loro competenze adottando una tariffa ridotta.
Attraverso la prima autotassazione che ha coperto le spese vive e le offerte raccolte durante la manifestazione il Festival . stato in grado di autosostenersi.
Il Comune di Vigone ha lasciato in concessione gratuita il Teatro del Paese, condividendo fin dall’inizio gli intenti di questa manifestazione.
Alcuni gruppi informali hanno aiutato lo Staff nella gestione dell’evento: il Gruppo Giovani di Vigone per la gestione dei laboratori dei bambini; l’Associazione delle “Maschere” che ha gestito l’affluenza del pubblico all’interno del Teatro; la Comunità per disabili Casa Brun 64
5|2016 ESPERIENZE di Vigone che ha offerto i suoi spazi per allestire un laboratorio di costruzione di marionette e per offrire la merenda ai bambini.
Questi gruppi informali sono stati coinvolti grazie al lavoro di sensibilizzazione di due operatrici del Centro Diurno di Vigone e della Comunità Casa Brun che li hanno inoltre coinvolti nella gestione dell’affluenza delle persone all’interno del Teatro e nella gestione logistica degli spostamenti, come indicare alle persone il parcheggio più vicino, accompagnare le persone nelle varie sedi del Festival, ecc.
Con questi gruppi si sono poi svolte due riunioni di presentazione del progetto e di definizione dei compiti e dei ruoli che avrebbero dovuto svolgere durante la manifestazione.
I giovani hanno da subito ben accettato la possibilità di dare il loro contributo e hanno avuto modo di attivarsi per il loro territorio e conoscere la realtà della disabilità, non sotto forma di esperienza negativa, da compatire, ma osservando le potenzialità dei partecipanti disabili e la loro simpatia.
Le famiglie delle persone disabili e degli operatori hanno avuto parte attiva nel Festival, partecipando e favorendo la pubblicizzazione dell’evento attraverso il “passaparola”.
Insomma, l’evento ha rappresentato un’occasione d’incontro tra Servizi, professionisti e familiari, nel quale i partecipanti non erano focalizzati sulle mancanze e sui bisogni, ma sulle potenzialità dei protagonisti di Sghembo e sul progetto comune da realizzare.
SGHEMBO FESTIVAL

Sghembo Festival nasce nel 2015 come progetto di DIFFUSIONE e PROMOZIONE di un teatro inclusivo dove gli attori sono persone con disabilità. Se da un lato il festival vuole avvicinare il teatro ai disabili e ai loro familiari che rimangono esclusi a causa di barriere architettoniche, economiche e sociali; dall'altra vuole avvicinare il pubblico "normale" alla visione di questi spettacoli per promuovere tematiche di inclusione,accettazione e valorizzazione delle diversità.
Attraverso la realizzazione dello Sghembo Festival si promuovono processi di attivazione delle competenze delle persone disabili coinvolti fin da subito nelle fasi di progettazione e conduzione della manifestazione. Tali processi formativi si attivano anche con gli studenti dei licei del territorio, che vengono chiamati a partecipare al Festival in qualità: di volontari, di inserimenti alternanza scuola lavoro e di artisti.
I principi metodologici di costruzione e organizzazione del festival fanno riferimento alle teorie del Teatro sociale di comunità e alle tecniche di sviluppo di comunità dove il lavoro di rete e il coinvolgimento attivo delle persone creano una partecipazione trasformativa per il territorio.

Lo Sghembo Festival è una manifestazione culturale organizzata dalla Cooperativa Sociale La Tarta Volante Onlus in collaborazione con il CISS di Pinerolo, il Comune di Pinerolo e con tutte le realtà del Terzo Settore del territorio per promuovere attraverso il teatro l'inclusione delle persone con disabilità.
Lo Sghembo Festival coinvolge i centri diurni e le strutture per disabili sul territorio del Pinerolese, la prima cintura di Torino, le valli montane Pellice, Chisone e Germanasca,la Provincia di Cuneo,la Val di Susa e la città di Torino.


Lo Sghembo festival è stato invitato nel 2017 a Bologna per partecipare alla manifestazione " Biennale di prossimità" ; nel 2018 ha collaborato con il Festival Musicando-Mirabilia per una giornata di Teatro Sociale; nel 2019 ha patrocinato 2 spettacoli a tematica sociale promossi dall'Associazione Arte Invita presso il Teatro Incontro di Pinerolo e ha promosso il progetto "Diverso free" in collaborazione con il Torino Fringe Festival.
Stacks Image 5389

INTRO

Stacks Image 5342

ART 1

Stacks Image 5344

ART 2

Stacks Image 5360

ART 3

Stacks Image 5362

ART 4

Stacks Image 5364

ART 5

Stacks Image 5366

ART 6

Stacks Image 5368

ART 7

Stacks Image 5370

ART 8

Stacks Image 5372
Stacks Image 5400